La cospicua produzione musicale giovanile di Ferruccio Busoni (1866-1924) è caratterizzata da un importante gruppo di composizioni a carattere sacro-liturgico, sviluppatosi in tre diverse fasi della vita artistica del giovane compositore. Alla terza fase fa riferimento la ‘Missa in honorem Beatae Mariae Virginis’ Op.51. Il repertorio sacro di Ferruccio Busoni, quasi dimenticato, ha ripreso vita grazie allo studio del Mo. Sandro Filippi e all’intepretazione del Coro Filarmonico Trentino, diretto dallo stesso Maestro. Parte degli strumentisti appartengono all’affermato Trio Broz: Barbara, Giada e Klaus Broz, rispettivamente al violino I, alla viola e al violoncello, affiancati da Matteo Bovo al violino II e da Antonio Casagrande al contrabbasso.
Esec. Coro Filarmonico Trentino
Dir. Sandro Filippi
CD Amadeus